Ora che sono Nato
E/O, 2019

Una madre nevrotica con un ego fagocitante, un padre megalomane, una sorella bugiarda patologica e un fratello diventato il primo caso della storia di bullo balbuziente. E poi c’è Nato. È lui a raccontarci le vicende che hanno segnato l’infanzia e l’adolescenza di un ragazzo che si sente diverso dalla sua scombinata famiglia e cerca di emanciparsi. Spietato, emozionante, sempre in bilico tra la commedia e la tragedia, Ora che sono Nato è il diario di una diseducazione sentimentale che dai meandri più remoti della nostra anima ci porta per mano fino alla più sorprendente e mai scontata dichiarazione d’amore, quella per se stessi e la propria libertà.

Rassegna stampa
Acquista su IBS

Fondo Gesù
Gallucci, 2016

Mario e Angelo sono due ragazzini cresciuti a Fondo Gesù. La loro amicizia si fa strada attraverso la miseria economica, sentimentale e culturale in cui sono costretti a vivere. Quando l’irreparabile li costringe a una fuga rocambolesca, entrambi intravedono finalmente la possibilità di una vita lontano dalla violenza e dalla ferocia che regolano i rapporti sociali nella loro terra. Con il linguaggio crudo e diretto di chi è cresciuto in un ambiente che non contempla la parola “amore”, Fiorino racconta la confusa volontà di riscatto di una gioventù perduta, a cui non è concessa alcuna opportunità di redenzione. E tratteggia quel groviglio maledetto dal quale i due protagonisti tentano di fuggire, ma che finisce col richiudersi per sempre sopra di loro.

Acquista su IBS

Amodio
Gallucci, 2014

Dopo quattro anni di fuga in una località segreta e protetta, il giovane Armando può finalmente fare ritorno nella sua Crotone. Ad aspettarlo sa di trovare i migliori amici di sempre: Vincenzo, che nel frattempo è diventato Vincenzina, e Ana, un’eccentrica insegnante di yoga. Che fine avrà fatto Amodio, il pugile bello come una divinità greca, al quale Armando era legato da un tenero sentimento a diciott’anni? Alla ricerca dell’amore perduto, Armando dovrà fare i conti con il proprio passato, rivivere il tormento di sentirsi diverso in un mondo dove avere un figlio omosessuale, per qualcuno, è un’onta da lavare con il sangue.

Fuori catalogo